Novembre 5, 2019
virtualls (100 articles)
Share

Processore

La CPU scelta determina la tua scheda madre. La scheda madre scelta determina la CPU (e il tipo di RAM).La CPU è l’unità centrale di elaborazione di un computer. È uno dei componenti principali del computer e della macchina di von Neumann da cui derivano tutti i moderni elaboratori elettronici (o calcolatori). Il nome Cpu è la sigla del termine inglese Central Processing Unit. Il compito della CPU è quello di eseguire le istruzioni di un programma presente nella memoria centrale o primaria (RAM) dopo averlo prelevato dalla memoria secondaria o di massa, dalla ROM, o da altri dispositivi.

CPU

Per scegliere il migliore tra diversi processori si devono valutare i seguenti parametri:

–Frequenza di clock o velocità;
La velocità è espressa in “gigahertz”: più è elevata, più il processore sarà in grado di effettuare le operazioni rapidamente, quindi, i programmi si caricheranno più velocemente e il computer sarà più reattivo. La frequenza di clock (che sarebbe l’unità di misura utilizzata per indicare la velocità del processore) è sempre presente nelle schede prodotto, che puoi sempre verificare prima dell’acquisto di un PC o di un processore per computer.

–Numero di core:
Il Core è l’unita elaborativa di un processore.
In principio i processori erano tutti a singolo core, ora sono a due, a tre a quattro ed anche a otto core.
Avere più Core è come avere più processori in parallelo; quindi un processore multicore a parità di frequenza di clock è più performante di un single Core.

–Cache:
La cache viene gestita dall’hardware per memorizzare i dati maggiormente utilizzati dalla RAM allo scopo di incrementare la velocità di risposta del computer e quindi le sue prestazioni, è possibile trovarne due o tre livelli:

–la memoria cache L1 o di primo livello, è collocata all’interno del processore ed è di solito la più piccola, nell’ordine dei kilobyte, ma al tempo stesso è anche quella più veloce;

–la memoria cache L2 o di secondo livello, si trova invece tra il processore e la memoria RAM, ed è di solito un po’ più capiente rispetto a quella di primo livello;

–la memoria cache L3 o di terzo livello, nelle prime implementazioni rappresentava solamente un livello aggiuntivo di memoria, mentre nelle più moderne architetture fornisce invece una memoria più capiente, ma, al tempo stesso, anche più lenta.

–Velocità del BUS:
Concettualmente si tratta di un canale di comunicazione condiviso, che permette ai vari dispositivi hardware di interfacciarsi tra loro, scambiandosi dati e informazioni (ciò consente una notevole riduzione dei collegamenti, e offre il vantaggio di permettere successive modifiche semplicemente collegando le ulteriori nuove unità al bus già esistente). Nei computer il BUS è il canale che collega i vari componenti hardware tra loro. Ogni BUS è suddiviso in tre parti:

BUS indirizzi: unidirezionale e trasporta gli indirizzi di memoria a cui la CPU desidera accedere. Sia le celle di memoria (RAM) sia le periferiche di I/O (Input/Output) sono infatti divise in zone, ognuna delle quali ha un dato indirizzo. Dopo aver comunicato l’indirizzo tramite questo BUS, la scrittura o lettura avviene normalmente tramite il bus dati. Questo BUS è accessibile in scrittura solo dalla CPU e in lettura dagli altri componenti, in quanto tramite questo bus viene dato solo l’indirizzo della cella, che è deciso dalla CPU

–BUS dati: bidirezionale, in quanto l’invio dei dati non è di sola appartenenza alla CPU, e viene utilizzato per lo scambio di informazioni tra i vari dispositivi

–BUS controlli: condiviso ed è un insieme di collegamenti il cui scopo è coordinare le attività del sistema; tramite esso, la CPU può decidere quale componente deve scrivere sul bus dati in un determinato momento, quale indirizzo leggere sul bus indirizzi, quali celle di memoria devono scrivere e quali invece leggere, etc

–TDP:
I processori hanno numerosi valori importanti da considerare. Sul fattore del consumo energetico, il TDP è uno di questi e si misura in Watt. La parola TDP sta per Thermal Design Power e rappresenta una misura di calore che viene dissipato dal processore. Tale misurazione è quindi relativa al sistema di raffreddamento, che avrà un consumo in Watt maggiore o minore a seconda dello sviluppo di calore del processore. Il sistema di raffreddamento agisce per mantenere la temperatura del processore sotto la soglia limite. Minore sarà il calore sviluppato dal processore, minore sarà il lavoro del sistema di raffreddamento e di conseguenza anche il suo consumo energetico.

I processori più importanti in commercio sono INTEL e AMD.

 Confuso? Possiamo aiutare…Amazon e piu semplice 

Le CPU si inseriscono nelle prese sulle schede madri, il che significa che la scheda madre deve avere il numero appropriato di pin (o fori, nel caso di AMD).

Questo è comunemente definito come standard di socket. Lo standard attuale per socket di Intel è LGA1151, mentre AMD è Socket AM4.

La combinazione della CPU e della scheda madre scelta determina il tipo di RAM. Dobbiamo dire “in combinazione”, perché in alcuni casi, le CPU hanno supportato più tipi di DRAM, il che significava che lo standard utilizzato era una questione di supporto della scheda madre.

In generale, la scatola della scheda madre ti dirà di che cosa si tratta, e dato che DDR3 sta per uscire, DDR4 dovrebbe essere l’unica soluzione di cui dovresti davvero preoccuparti per quanto riguarda la DRAM. Se sarai in grado di permetterti DRAM è un’altra domanda.
Passata la questione della compatibilità del socket, quale CPU si sceglie ha effetti a catena sul resto della build di sistema. Le CPU di fascia più alta in genere assorbono più potenza e potresti voler utilizzare un dispositivo di raffreddamento migliore con i modelli di fascia più alta.

Assicurati sempre di abbinare il tuo TDP elencato alla CPU con il TDP del dispositivo di raffreddamento che stai utilizzando (le CPU fornite da AMD e Intel avranno un dissipatore di CPU adeguatamente valutato se acquisti parti confezionate al dettaglio).
Le tue scelte qui sono fondamentalmente tra due produttori: AMD e Intel. “AMD brilla alla fine del budget, con chip Intel spesso troppo cari o inferiori alle loro controparti AMD”, afferma Tannahill.

Processore

Probabilmente opterei per l’AMD Ryzen 3 1300X, che è in grado di perforare così tanto al di sopra del suo peso che quasi mi dispiace di non averlo ottenuto da solo.”
Con il miglioramento del budget, tuttavia, il consenso passa molto nella direzione opposta.

In media, i giochi hanno requisiti specifici che vengono meglio soddisfatti dai processori Intel,  che opta per un i3 8100 a livello di budget e un i5 7600k a livello intermedio.

Ma spendere un sacco di soldi non significa necessariamente ottenere prestazioni migliori. Potrei spendere 1.000 euro su un ridicolo Threadripper o chip Xeon, ma probabilmente otterrei un FPS più alto e tempi di frame più consistenti da un i5 di fascia alta che costa un terzo di quello.

Tannahill consiglia anche Intel se hai un po ‘di più da spendere. “Per me, la migliore CPU di fascia media sarebbe l’i5 7600“, afferma.

“Un 7600k non ti costerà molto di più, ma, a meno che tu non stia cercando di overclockare, i soldi saranno probabilmente spesi meglio in una GPU superiore o in RAM extra.”

Raffreddamento processore

La maggior parte delle CPU è dotata di un dissipatore / dissipatore di calore della CPU, allo stesso modo, la maggior parte dei casi include uno o forse un paio di ventole. Ma, essendo un giocatore per PC, si tratta di personalizzazione e entrambi questi componenti possono essere facilmente sostituiti per qualcosa di più attraente per i tuoi gusti o esigenze specifici.

I dissipatori della CPU funzionano per allontanare il calore generato dal processore per essere aspirati come aria di scarico. I fan del caso lavorano per assicurarti di avere abbastanza aria nel tuo caso e che venga scaricata abbastanza aria.
È disponibile un’ampia gamma di dispositivi di raffreddamento della CPU aftermarket tra cui scegliere, dalle unità di raffreddamento dell’aria di base come la Cryorig H7, alle unità di raffreddamento a liquido più complesse come la Corsair H100i. Ma non tutti i dispositivi di raffreddamento si adatteranno a tutte le sorti, e devi assicurarti di avere lo spazio per il radiatore o il dissipatore di calore che stai per installare.

I fan del caso sono spesso ciò che dà un PC è accento visivo con l’uso di ventilatori a LED. Ad alcune persone piacciono, altre no. Qualunque cosa tu sia, ci saranno sicuramente alcuni fan aftermarket che ti piaceranno, sia visivamente che in termini di prestazioni. Le opzioni di raffreddamento del PC spaziano dai dissipatori di calore AMD e Intel vengono forniti con i propri processori in scatola a varie unità freon multi-stadio esoteriche e piattaforme di immersione a olio senza ventola. La maggior parte degli appassionati optano per metodi di raffreddamento dell’aria più prosaici.
I tipici dissipatori di CPU (Vedi su Amazon) di AMD e Nvidia manterranno la tua CPU a temperature operative normali e funzionerà bene, anche sotto carico.

Non è necessario spendere soldi per un dispositivo di raffreddamento aftermarket, se non si desidera. Se acquisti un dispositivo di raffreddamento aftermarket, assicurati di controllare l’orientamento previsto della scheda madre, l’altezza massima del radiatore e se rende difficile l’installazione della RAM.

Quest’ultimo è un problema comune; molti dispositivi di raffreddamento della CPU aftermarket sovrastano parzialmente gli zoccoli RAM quando installati.

Poiché la maggior parte della RAM in questi giorni ha dissipatori di calore propri, questo può rendere difficile l’installazione o lo scambio di RAM. Se dovessi scegliere un marchio più cool della CPU da consigliare, sarebbe Noctua.

I dispositivi di raffreddamento Noctua non sono particolarmente economici, ma vengono forniti con istruzioni complete a colori, includono hardware di installazione come i cacciaviti, la qualità costruttiva dei loro ventilatori e dissipatori è eccellente e offrono una politica di aggiornamento eccellente.

Se si dispone di un dispositivo di raffreddamento più vecchio, in molti casi, Noctua offre kit di aggiornamento che consentono di continuare a utilizzarlo su una scheda madre più recente.

Dato che le CPU hanno superato a circa 140 W (con una manciata di eccezioni) per un decennio, questo è un ottimo modo per continuare a utilizzare un componente prezioso in grado di raffreddare un nuovo chip altrettanto bene di uno vecchio.
Nota: i dissipatori di calore della CPU sono generalmente classificati in termini di TDP o Thermal Design Power.

Questa è la quantità di calore che il dispositivo di raffreddamento è progettato per dissipare in un determinato periodo di tempo e dovrebbe essere abbinato al TDP elencato della CPU al minimo.
Va bene usare un dispositivo di raffreddamento in grado di gestire un TDP da 150 W su un chip da 50 W, ma non provare a utilizzare un dispositivo di raffreddamento da 50 W su una CPU da 150 W. Non friggerà – siamo un po ‘oltre quel punto ora – ma il sistema potrebbe destabilizzarsi e correre lentamente.

Processore AMD

amd

– Famiglia Goldmunt Plus: i prodotti basati sull’architettura Goldmunt Plus (piattaforma Gemini Lake) sono quelli della gamma inferiore. Il listino comprende i modelli Celeron e Pentium sia per il settore desktop che mobile. Si distinguono per il prefisso J o N.

-Famiglie Kaby-Lake e Coffee Lake / Refresh: i prodotti basati sulle architetture Kaby-Lake e Coffee Lake / Refresh (serie 8000 e 9000) sono quelli destinati alla gamma principale per i segmenti desktop e mobile.

-Famiglie Skylake-X / Refresh: i prodotti basati sull’architettura Skylake-X / Refresh (settima / nona generazione) sono progettati per la gamma HEDT (High End DeskTop), che offre soluzioni per workstation e workstation ad alte prestazioni.

Di solito, accanto al nome del processore, troviamo lettere come:

Processore K con moltiplicatore sbloccato. Progettato per rendere più facile l’overclocking con una scheda madre dotata di un chipset compatibile.
Modelli F con GPU integrata che è stata disabilitata. È necessario utilizzare una scheda grafica discreta.
Processori X / XE progettati per sistemi desktop ad alte prestazioni (HEDT). I modelli di punta sono Extreme Edition (XE).
Processore T caratterizzato da un consumo energetico ottimizzato. Il TDP è inferiore allo standard per la stessa classe di processori.
Processore Special Edition S (ottimizzato per le prestazioni per i vecchi processori Intel di quarta generazione).

Il nome C utilizzato nei processori di quinta generazione per indicare processori sbloccati con grafica ad alte prestazioni.
Il processore di quinta generazione era basato sul pacchetto BGA 1364 (mobile) con grafica ad alte prestazioni.

I processori AMD sono quelli che hanno subito un’enorme trasformazione negli anni fino alla creazione della nuova generazione denominata RYZEN.
il loro obiettivo era ridurre drasticamente il TDP e aumentare le prestazioni allo stesso tempo, contrastando la potenza dei processori Intel, infatti, dalla prima generazione si sono arrivati ​​ad affrontare i valori prestazionali di Inte, tutti i nuovi processori RYZEN sono già arrivati ​​con moltiplicatore, in grado di facilitare l’opzione di overclock con il software AMD Ryzen Mater Utility.

Il successo più grande che ha fatto rinascere il “produttore” è stato il fatto che offre fin dall’inizio un ottimo rapporto qualità / prezzo, determinando all’utente di poter risparmiare ed eseguire sia in termini di elaborazione computazionale che di livello di temperatura. e consumo, purtroppo nella maggior parte dei processori non è presente uno schermo video integrato, ma solo dove si troverà la lettera “G” (es. ryzen 2200G).

In conclusione, si potrebbe dire che ormai è diventata questione di risparmio, perché ora Ryzen ha un margine maggiore rispetto ai processori Intel, soprattutto con il lancio della terza generazione, si è dimostrato di averli addirittura superati. e in alcuni test, un esempio lampante è soprattutto nel campo dei giochi.

Tags cpu
virtualls

virtualls